RIVE TEATRO

Venerdì 7 / ore 21,30
Teatro Cecchetti

F.PL. FEMMINILE PLURALE
pe’ devozione

liturgie sacre e profane nella vita di tutti i giorni

dal laboratorio teatrale con le donne di Forcella a Napoli, a cura di Marina Rippa e Alessandra Asuni con:
Amelia Patierno, Anna Liguori, Anna Marigliano, Anna Patierno, Antonella Esposito, Flora
Faliti, Flora Quarto, Gianna Mosca, Giorgia Dell’Aversano, Manuela Della Corte, Melina De Luca, Patrizia Ricco, Rosa Lima, Rosa Tarantino, Rosalba Fiorentino, Susy Cerasuolo, Toti Carcatella.

“La mia santa è Santa Rita, ma perché mi ha scelto lei; io manco ne conoscevo l’esistenza. Il mio fioretto è stato quello di non bere caffè il venerdì fino a grazia ricevuta, e così è stato. ‘O patetern’ è lungariell’ ma nun è scurdariell’.”

Diciassette donne di Napoli sul palco, da 34 a 80 anni, tutte non professioniste, portano in scena il loro rapporto con la fede. Racconti, gesti e storie sui riti quotidiani, del proprio vivere il sacro. I temi della religiosità e quelli delle “liturgie” nella vita di tutti i giorni, diventano teatro: i culti popolari delle anime del Purgatorio e delle sette Madonne, i voti fatti per guarire, per avere un figlio, i riti delle Feste, le edicole votive napoletane e tanti altri frammenti del sacro nelle culture del sud Italia. Queste donne toccano il cuore. Si urla e si piange, si litiga e si mormora. Spesso, grazie a Dio, si ride. Spettacolo vincitore del premio Apollonio – I Teatri del Sacro.