RIVE POESIA

Domenica 9 / ore 19,45
Moletto Medusa

ANTONIO MALAGRIDA
UN POETA “FUORISTAGIONE”

Raffaelli Editore

Il passato torna e si schiera, si fa soggetto senza peso
fischio, romanzo sottinteso.
La notte cade, porta quiete al mare
parla al sonno della gente.
Lontano, piccolo così, si nasconde un suono.
Forse era niente.

È poesia che indaga, con ironia e disincanto, l’eterna richiesta di verità che l’essere umano rimanda all’amore, al tempo, alla vita, alla morte e alla memoria. Un’indagine lirica sui grandi archetipi della nostra condizione esistenziale, sulla Natura dunque, “la grande stanza”, dove si accampano e risuonano le infinite questioni del corpo e dell’anima. Un luogo che a noi fatalmente sopravvive. Come una stagione, come l’acqua del mare.

Antonio Malagrida, insegnante di Lettere, è di Civitanova Marche. Ha pubblicato: Sprazzi e impressioni, ed. Est; A chi è ancora vivo, ed. Amadeus; Oltre, ed. L’albatro; La tenda dello zingaro, ed. Pequod; Fuoristagione, ed. Raffaelli. Collabora con Umberto Piersanti al Laboratorio di scrittura e cultura poetica Sibilla di Civitanova Marche.

L’incontro vede la partecipazione di Luca Ventura alle percussioni.